L’albero de Jovanotti

Aquests dies de festes escoltant velles
cançons, m’he retrobat amb una bella amiga de molts viatges per les terres
italianes: L’albero de Jovanotti. Us adjunto el seu text ple de poesia i el vídeo
per si voleu escoltar-la.
Proprio come un albero che vive in mezzo agli alberi mi sento quando giro
per il mondo cerco di far si che il vento non mi butti giù e di affondar le mie
radici nel profondo, prendo il sole in faccia per far si che le mie foglie
stiano bene appiccicate lungo questi rami ospito tra le mie braccia nidi di
uccellini e do rifugio nel mio fusto a molti sciami. 


Proprio come un albero mi
spoglio e mi rivesto a seconda se c’è freddo o c’è calore dentro la genetica la
mappa delle cellule descrive a quale genere appartengo se sono una quercia
oppure un salice piangente oppure un baobab od un saggio di pianura quello che
è importante è che al mondo ci sia spazio per qualsiasi espressione di natura.

 
Prendo il sole in faccia bevo molta pioggia,bevo molta pioggia, io non ho problemi a
convivere con gli altri sono pronto ad accettare la mia sorte sono consapevole
del fatto che più o meno presto o tardi ci sarà per me la morte quella che Totò
ha definito la livella e che alla fine ci livella tutti uguali alberi bestiole
re profeti presidenti calciatori poveretti ed animali.

 
Quello che io penso
come albero parlante è che la vita sia questione di radici più sono profonde
più ti puoi portar lontano incontrando gente conquistando amici perché io ho
scoperto che le mie radici in fondo sono lì per procurarmi le risorse cosicché
con le mie foglie io possa affrontare venti forti e possa farmi delle
corse.


Prendo il sole in faccia bevo molta pioggia. 
Andare di qua e di là
sconfinare allegramente farmi un pò ogni tipo di esperienza incontrare gente
allargare le vedute e allenare pure un po’ l’intelligenza senza mai scordare
cosa sono da dove vengo e pure dove voglio andare con le mie radici belle salde
nel terreno io coi rami io mi posso allontanare perché c’ho bisogno della terra
sotto i piedi dove dare fondamenta alla speranza proprio come un albero mi
adatto un poco a tutto basta solo un po’ di clima di accoglienza no no no alla
violenza non rivendico nessuna appartenenza tranne quella al mondo degli esseri
viventi col diritto di affondare le radici sogno un universo dove ogni
differenza sia la base per poter essere amici prendo il sole in faccia bevo
molta pioggia proprio come un albero mi colloco nel mezzo tra la terra e il
cielo proprio a metà via opero una sintesi tra luce e clorofilla equilibrio di
sostanza ed energia.

Deixa un comentari

L'adreça electrònica no es publicarà. Els camps necessaris estan marcats amb *

You may use these HTML tags and attributes:

<a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>